Ottenere un prestito con la pensione

Anche i pensionati hanno la possibilità di contrarre prestiti personali estinguibili con una trattenuta diretta sulla rata della pensione. Per offrire la massima tutela ai pensionati, l’Inps ha definito tutte le modalità e le condizioni necessarie per concedere tali prestiti.

Come funziona
Il pensionato chiede il prestito alla Banca o all’Intermediario Finanziario e l’Inps gli paga le rate trattenendole dalla pensione.
Le rate possono essere pagate cedendo fino ad un quinto della pensione. La durata del contratto di prestito non può superare i dieci anni.
Il prestito si può chiedere con tutte le pensioni eccetto:
  • le pensioni e gli assegni sociali;
  • le invalidità civili;
  • assegno mensile per l’assistenza ai pensionati per inabilità;
  • gli assegni di sostegno al reddito;
  • le pensioni del personale bancario;
  • assegni al nucleo familiare.
L’Inps versa l’importo della rata alla Banca o Intermediario Finanziario, con cui il pensionato ha stipulato il contratto, solo dopo aver verificato alcune condizioni a tutela del pensionato.
Cosa fare prima di chiedere il prestito
Per verificare la possibilità di chiedere un prestito il pensionato deve richiedere alla sede Inps, la Comunicazione di cedibilità, che indica l’importo massimo della rata del prestito pagabile con la pensione. La Comunicazione di cedibilità è indispensabile perché l’Inps possa versare alla Banca o all’Intermediario Finanziario le rate relative al prestito, trattenendo l’importo dalla pensione. La stessa comunicazione va consegnata alla Banca o alla Finanziaria per stipulare il contratto di prestito o può essere richiesta direttamente alll’ente finanziario convenzionato con l’istituto.
Come si calcola la rata “a misura di pensione”
Il pensionato può cedere fino ad un quinto della propria pensione. L’importo cedibile è calcolato, al netto delle tasse e in modo da non intaccare l’importo della pensione minima (460,97 euro nel 2010).
Per questo motivo i trattamenti pensionistici integrati al minimo non possono essere oggetto di cessione.
Esempi di calcolo della quota cedibile

Caso 1
     pensione lorda 496,30 -
     ritenute fiscali 0,00
     pensione netta = 496,30 -
     pensione min. 460,97
     quota cedibile* = 35,33
*con salvaguardia della pensione minima, inferiore in questo caso all’importo del quinto = 99,26 euro
Caso 2
     pensione lorda 1.200,00-
     ritenute fiscali 300,00
     pensione netta = 900,00
     1/5 del netto 180,00
     quota cedibile* = 180,00
*con salvaguardia della pensione minima (460,97 euro)

Nel caso si sia titolari di più pensioni cedibili, il calcolo si effettua sull’importo totale delle pensioni percepite.

Come Inps tutela i pensionati
Quando la Banca o la Finanziaria notifica all’Inps il contratto di prestito del pensionato per ottenere il pagamento delle rate, l’Inps controlla che:
  • la Banca o la Finanziaria abbiano i requisiti richiesti dalla legge per questo tipo di operazione
  • il tasso effettivo globale (TEG) applicato al prestito sia inferiore al “tasso soglia” anti-usura (calcolato aumentando del 50% il tasso effettivo globale medio relativo ai prestiti con cessione del quinto della pensione nel trimestre di riferimento).
  • la rata prevista sia inferiore o pari ad un quinto dell’importo della pensione;
  • nel contratto siano indicate tutte le spese (istruttoria, estinzione anticipata, premio assicurativo per premorienza, tasso di interesse e TEG complessivo).
La convenzione proposta dall’Inps
Per contenere il livello dei tassi di interesse applicati, l’Inps propone alle Banche e agli Intermediari Finanziari di sottoscrivere una Convenzione, con la quale si impegnano a rispettare i tassi più favorevoli indicati dall’Istituto. L’elenco delle Banche e degli Intermediari Finanziari convenzionati è consultabile qui.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...